Gli Archivi Berzin

Gli Archivi Buddhisti del dott. Alexander Berzin

Vai alla versione testo per non vedenti di questa pagina. Vai alla navigazione principale.

Home > Basi Fondamentali del Buddhismo tibetano > Livello 1: Come iniziare > Scopo e benefici del dibattito

Scopo e benefici del dibattito

Tsenciab Serkong Rinpoche II
tratto da spiegazioni tradotte e riassunte
da Alexander Berzin
Mundgod, India, 20 Agosto 2001
Traduzione in italiano a cura di Francesca Paoletti

Uno degli scopi principali del dibattito all’interno della formazione buddhista è quello di aiutarvi a sviluppare una consapevolezza risoluta (nges-shes). Voi assumete una posizione e il vostro partner di dibattito la mette in dubbio sotto molti punti di vista. Se riuscite a difendere la vostra posizione a fronte di tutte le obiezioni e trovate che non ci siano incoerenze logiche o contraddizioni, allora potete focalizzarvi su questa posizione o punto di vista con una consapevolezza del tutto risoluta che non può venire scossa. Questo stato mentale viene anche chiamato ferma convinzione (mos-pa). Dovete avere questa consapevolezza risoluta e questa ferma convinzione quando meditate con la mente concentrata singolarmente su un qualsiasi argomento, come l’impermanenza, l’u guaglianza tra sé ed altri, il considerare gli altri più preziosi di noi stessi, bodhicitta, vacuità e così via.

Inoltre, il dibattito crea una situazione che, soprattutto per i principianti, è maggiormente favorevole allo sviluppo della concentrazione rispetto alla meditazione. La sfida che vi viene posta dal vostro partner di dibattito e l’influenza dei compagni di classe che ascoltano vi costringono a concentrarvi. Quando meditate da soli, soltanto la forza di volontà vi trattiene dal divagare mentalmente o dall’addormentarvi. Inoltre, nelle corti di dibattito monastiche si svolgono molti dibattiti a voce alta uno accanto all’altro. Anche questo vi costringe a concentrarvi. Se i dibattiti intorno a voi vi distraggono o vi irritano, siete finiti. Una volta che avete sviluppato capacità di concentrazione nella corte di dibattito, potete applicarla alla meditazione e potrete meditare anche in luoghi rumorosi.

Inoltre, il dibattito aiuta a sviluppare la vostra personalità. Non potete rimanere timidi e continuare a dibattere. Dovete farvi sentire quando il vostro avversario vi sfida. D’altro canto, se siete arroganti e vi arrabbiate, la vostra mente si offuscherà e, inevitabilmente, verrete battuti dalla vostra controparte. Tutto il tempo, dovrete mantenere un equilibrio emozionale. Sia che vinciate o che perdiate, il dibattito è un’ottima opportunità per riconoscere l’ “io” che deve essere negato. Quando pensate o provate che “ Io ho vinto, io sono così intelligente” oppure “ io ho perso, io sono così stupido,” potete riconoscere chiaramente la proiezione di un “me” solido, autoreferenziale, a cui vi state identificando. Questo “io” è pura fantasia e va negato.

Anche quando dimostrate al vostro partner di dibattito che la sua posizione è illogica, dovete ricordare che questo non prova in alcun modo che voi siete il più sveglio dei due e che lui è stupido. La vostra motivazione deve sempre essere quella di aiutare il vostro partner a sviluppare una chiara comprensione e una ferma convinzione in ciò che può essere logicamente dimostrato.