Gli Archivi Berzin

Gli Archivi Buddhisti del dott. Alexander Berzin

Vai alla versione testo per non vedenti di questa pagina. Vai alla navigazione principale.

Home > Studi storici, culturali e comparativi > Il Buddhismo e l`Islam > Discorso di accettazione di Sua Santità il Dalai Lama al conferimento del dottorato all'Università Jamia Millia Islamia

Discorso di accettazione di Sua Santità il Dalai Lama al conferimento del dottorato all'Università Jamia Millia Islamia

Nuova Delhi, India, 23 novembre 2010
leggermente redatto da Sean Jones e Alexander Berzin
traduzione italiana a cura di Ida Buraczewska

[Per la versione audio (in inglese): http://www.dalailama.com/webcasts/post/153-jamia-millia-islamia-university .]

Tramite l'interprete: Vorrei ringraziare l'Università Jamia Millia Islamia, l'ospite d'onore [ il Ministro indiano per lo Sviluppo delle Risorse Umane] ildott. Kabil Sibal e il vice rettore, i professori, i presidi delle facoltà, gli studenti e tutti gli ospiti qui riuniti. Voglio salutarvi tutti, prima di tutto, e voglio ringraziarvi, Jamia Millia Islamia, per avermi conferito questo riconoscimento.

Sua Santità il Dalai Lama: Avendo ricevuto questo microfono, ora proverò a parlare in inglese. Naturalmente il pubblico deve sapere che il mio inglese è molto, molto stentato, quindi a volte potrei usare la parola sbagliata. Perciò di solito, quando parlo in inglese stentato, consiglio al mio pubblico di “essere prudente.” Potrei creare un'incomprensione a causa dell'uso di una parola sbagliata. Per esempio, posso dire per sbaglio “pessimismo” invece di “ottimismo:” questo è un errore grave. Il pericolo c'è, quindi siate prudenti, quando ascoltate il mio inglese stentato.

Mi sento veramente molto onorato nel ricevere questa laurea. In primo luogo, quando ricevo delle lauree, di solito rispondo che a dire il vero non ho mai trascorso il mio tempo a studiare e che le ricevo senza aver studiato. A quegli studenti che ricevono i loro dottorati: penso che abbiate dedicato molto tempo e impegno, ma io ricevo queste lauree da varie università diverse tra loro senza essermi impegnato più di tanto, quindi mi sento veramente molto onorato. Ora, specialmente qui, ricevere una laurea da una famosa università islamica: lo apprezzo molto, perché uno dei miei impegni è la promozione dell'armonia religiosa.

Dall'evento dell'11 settembre difendo fermamente l'Islam, perché a causa delle azioni di alcune persone maliziose con origini musulmane, l'intero mondo islamico è stato generalizzato come qualcosa di negativo. Ciò è assolutamente sbagliato. Parlando naturalmente e realisticamente, l'Islam è proprio una delle più importanti religioni su questo pianeta. Nel passato, nel presente, come anche nel futuro, l'Islam ha dato, dà e darà speranza, sicurezza e ispirazione a milioni di persone in molti paesi. Ciò è un dato di fatto. E poi, ho stretti amici musulmani sin dalla mia infanzia. Per esempio, credo che sia almeno quattro secoli fa, quando dei commercianti musulmani si stabilirono in Tibet, a Lhasa, e vi crearono una piccola comunità musulmana. Non ci fu nessuna testimonianza riguardo ad alcun litigio con questa comunità musulmana, erano persone molto amichevoli.

E poi ancora, conosco dei musulmani in questo paese, che mi hanno detto che coloro che praticano veramente l'Islam, devono estendere amore e compassione verso tutte le creature. Inoltre, se un musulmano causa spargimento di sangue, allora in realtà non è più un musulmano. E il significato di “jihad” non è di “attaccare gli altri.” Il significato più profondo di “jihad” è quella lotta interiore in noi stessi [applausi]: la lotta contro tutte quelle emozioni negativecome collera, odio, attaccamento; emozioni che creano ulteriori problemi nello stato mentale dell'individuo e, per questo motivo, poi creano ulteriori problemi in famiglia o nella comunità. Quindi, la lotta o combattimento contro queste emozioni negative, queste emozioni distruttive, è ciò che significa “ jihad” ad un livello più profondo.

Perciò, nonostante la sua filosofia sia diversa, l'essenza di questa religione è uguale a quella delle altre religioni. Come risultato di molta comunicazione e di molti contatti con i seguaci di altre religioni, ho notato che, nonostante grandi differenze nel campo della filosofia, a livello pratico, tutti loro praticano l'amore, la compassione, il perdono, la tolleranza, l'auto-disciplina e la contentezza. Pertanto, ogni volta che ho l'opportunità, dico sempre alla gente che non si dovrebbe fare generalizzazioni sull'Islam a causa di qualche musulmano malizioso. Ci sono anche alcune persone maliziose tra gli induisti; ce ne sono anche alcune tra gli ebrei, anche tra i cristiani, anche tra i buddhisti – e ci sono anche alcuni maliziosi nella piccola comunità del Buddhismo tibetano, questo è chiaro. Pertanto, il conferimento di una laurea da un'università islamica, mi fa sentire veramente molto onorato.

Quindi, per quanto riguarda i miei impegni. Fino alla mia morte, ho due impegni. Come ho menzionato prima, un impegno è la promozione dell'armonia religiosa; l'altro impegno, a livello umano, è la promozione dei valori umani interiori, delle buone qualità umane che si sviluppano biologicamente, soprattutto dell'affetto umano. Appena nasciamo, la madre, da parte sua, provvede al bambino con un immenso affetto. Anche da parte del bambino, appena nasce, senza sapere chi sia quella persona, biologicamente dipende interamente da lei. Quando la madre si prende cura del bambino, il bambino si sente molto felice; quando sono separati, il bambino si sente insicuro. Anche gli animali hanno lo stesso tipo di esperienza, quindi le nostre vite cominciano in questo modo. Quindi una persona che riceve il massimo dell'affetto al momento della nascita e poi durante gli anni a venire, resta più sana e più compassionevole per tutta la sua vita. Ma le persone che soffrono mancanza di affetto o se vengono perfino abusate in giovane età, in quel periodo, poi si portano con loro questa esperienza per tutta la vita. Indipendentemente da come appaiono, nel profondo hanno un senso di timore e di sfiducia. La sfiducia tra gli esseri umani è in realtà contro la natura umana: noi siamo animali sociali. Per ogni animale sociale, la piena cooperazione è essenziale per l'interesse dell'individuo. L'individuo fa parte della società e il suo futuro dipende interamente dalla società o dalla comunità.

Poi, per quanto riguarda la base del successo nella vostra vita, se sviluppate una sorta di diffidenza e di paura, se rimanete distanti, come potete essere felici? È molto difficile! Pertanto, al fine di sviluppare una vera cooperazione, l'amicizia è essenziale. La base dell'amicizia è la fiducia. La base della fiducia è la franchezza, la trasparenza; poi si può sviluppare la fiducia. La base di ciò è la bontà di cuore, un senso di preoccupazione per il benessere altrui. Quando c'è questo tipo di buon senso, non c'è spazio per sfruttare gli altri, di imbrogliare gli altri, di ingannare o sottomettere gli altri, perché vi prendete veramente cura del loro benessere. Ciò non deriva necessariamente dalla religione, ma da fattori biologici.

Pertanto uno dei miei principali impegni è dire alla gente, condividere con la gente il fatto che "siamo animali sociali." Ora, gli interessi di ogni persona sono interdipendenti in particolare nel mondo di oggi, a causa dell'economia globale e anche della questione ambientale e del fatto che il mondo è abitato da quasi sette miliardi di esseri umani. Quindi, in accordo a questa realtà, il concetto di "noi" e "gli altri" non è rilevante. Ora, dobbiamo considerare l'umanità come una famiglia umana. Quindi dico spesso alla gente che dobbiamo sviluppare l'atteggiamento che il mondo intero sia parte di me, parte di noi. Quando c'è una demarcazione solida tra "noi" e "loro," allora si presenta la violenza. Se sviluppiamo il senso dell'umanità intera come parte di "me," parte di "noi," allora non c'è più spazio per usare la violenza.

Quindi il mio sforzo principale, insieme a molti dei miei amici, è riflettere che il secolo scorso, il XX secolo, è stato un secolo di violenza. Più di 200 milioni di persone furono uccise a causa della violenza, durante quel secolo. Sono appena tornato dal Giappone, da un incontro di alcuni premi Nobel a Hiroshima, dove la prima bomba nucleare fu usata contro degli esseri umani. Veramente terribile! In quel secolo furono perfino usate arme nucleari sugli esseri umani! Quindi quel secolo, nonostante vi sia stato molto sviluppo, da un lato quel secolo divenne un secolo di spargimento di sangue. Ora, se quella violenza immensa, quegli immensi spargimenti di sangue avessero veramente risolto alcuni dei problemi degli esseri umani e avessero portato dei benefici, allora bene, sarebbe stato giustificabile, ma non c'è nessuna giustificazione. Pertanto, sulla base della nostra esperienza passata, ora dobbiamo fare ogni sforzo per assicurarci che questo XXI secolo diventi un secolo di dialogo. Quindi abbiamo bisogno di un senso di unità che pervade l'umanità intera. Credo che le diverse nazionalità, culture, razza e fedi religiose siano secondarie. Quello che importa è che al livello fondamentale siamo tutti gli stessi esseri umani.

Quindi, a volte penso che la moltitudine di problemi che affrontiamo oggi sia essenzialmente una nostra creazione. Questi problemi, creati da noi stessi, esistono perché diamo troppa enfasi all'importanza del livello secondario, dimenticando il livello fondamentale. Quindi ora è giunto il momento. Al fine di costruire un mondo felice, un mondo di pace, dobbiamo sottolineare l'importanza del livello umano. Ognuno ha lo stesso diritto di essere una persona felice e l'interesse di ogni singola persona dipende dal resto della gente. Quindi dobbiamo prenderci cura degli interessi altrui. Questa è la via giusta per guadagnare il massimo dei benefici per se stessi.

Quindi questo è il mio secondo impegno. Il mio secondo impegno è la promozione dell'armonia religiosa; il secondo è la promozione dei valori umani fondamentali. Quindi, ho preso l'impegno di dedicarmi a queste cose fino alla mia morte.

Quindi voi, persone giovani, in primo luogo a quelli di voi che sono studenti voglio esprimere le mie congratulazioni. Credo che ora abbiate ricevuto le vostre lauree in seguito ai vostri immensi sforzi. Penso che forse negli ultimi giorni abbiate dormito meno per la troppa agitazione. Ora, credo che stanotte possiate avere un sonno più tranquillo. Ad ogni modo voglio offrirvi le mie congratulazioni e poi voglio anche dirvi questo, voglio condividerlo con voi: la vita non è facile, non ci sono garanzie. Affronterete molti problemi, ma poi noi siamo parte della società umana. Quindi a prescindere dal tipo di problemi che affrontiamo, abbiamo la capacità di superarli. Quindi la sicurezza di sé e l'ottimismo sono essenziali. E voi giovani avete anche bisogno di più pazienza. A volte i giovani vogliono avere immediatamente tutte le cose che desiderano. Vi demoralizzate quando incontrate un impedimento o un ostacolo. C'è un detto tibetano: “Nove volte fallimento, nove volte sforzo.” Questo è importante, tenetelo a mente per favore.

E poi un'altra cosa: voi siete la generazione che appartiene veramente al XXI secolo. Io appartengo al XX secolo; e anche alcuni di questi professori e ministri, credo che noi apparteniamo al XX secolo. Quindi, del XXI secolo sono passati solo 10 anni, 90 anni devono ancora venire. Quindi le persone che scolpiranno veramente la forma di questo secolo siete voi. Dovete prepararvi. E per creare un mondo migliore, un mondo di pace, un mondo felice, dovete avere una visione e non avete bisogno solo di un'educazione, ma anche di principi morali. Quindi, per sviluppare e per creare un mondo felice e pacifico, l'educazione e l'etica morale devono andare insieme.

Ora, ci sono molti livelli per quanto riguarda l'etica. Un livello è quello della fede religiosa. Ad un livello più fondamentale, senza la fede religiosa, semplicemente usando la comune esperienza umana e il buon senso e poi le ultime scoperte scientifiche, si matura la convinzione che la bontà di cuore e la franchezza abbiano un immenso beneficio, anche sulla nostra salute fisica. Ognuno si prende cura della propria salute. Il fattore principale per una buona salute è la pace della mente. Pertanto, uno sforzo maggiore al fine di sviluppare più sentimenti compassionevoli è veramente uno dei fattori più importanti per la salute fisica, ed è molto importante per creare una famiglia felice.

Pertanto, avete già ricevuto una laurea sul piano educativo. Ora fate, per favore, più attenzione ai vostri valori interiori, ovvero ai veri valori umani e all'etica. Il Vice Cancelliere ha già menzionato l'etica, l'approccio di tipo umanistico. Queste sono cose molto, molto importanti e le ho volute condividere con voi. Quindi, questo è tutto, vi ringrazio molto.